Collezione

La collezione della Casa Museo si compone di oltre ottocento opere tra dipinti, sculture, arti applicate e arredi. Tra i capolavori si segnalano opere di Canaletto, Tiepolo, Guardi, Longhi, Boucher, accanto a preziosi arredi barocchi e rococò principalmente francesi e veneziani e straordinari oggetti d’arte applicata del XVII e XVIII secolo. Capolavori assoluti sono: la coppia di Commodes del 1789 di Giuseppe Maggiolini con tarsie di Andrea Appiani e il Tavolo ottagonale in pietre dure realizzato tra la fine del Seicento e l’inizio del Settecento nella Galleria dei Lavori di Firenze.

Selezione delle opere


Francesco Guardi (Venezia 1712 – 1793)
Venezia - 1782


François Boucher (Parigi 1703 - 1770)
Francia - 1746-1747


Pietro Longhi (Pietro Falca detto) (Venezia 1701 – 1785)
Venezia - 1750 circa


Francesco Guardi (Venezia 1712 – 1793)
Venezia - 1780 circa


Bernardo Bellotto (Venezia 1722 – Varsavia 1780)
Venezia - 1738-1739


Michele Marieschi (Venezia 1710 - 1743)
Venezia - 1738-1740


Scuola di Luca Giordano (Napoli 1634 - 1705)
Napoli - fine del XVII secolo


pittore anonimo attivo nel terzo-quarto decennio del XVII secolo già attribuita ad Astolfo Petrazzi (Siena 1589-1665)
Italia - 1630 circa


François Boucher (Parigi 1703 - 1770)
Parigi - 1741


Giambattista Tiepolo (Venezia 1696 – Madrid 1770)
Venezia - 1743-1745


Canaletto (Giovanni Antonio Canal, detto il) (Venezia 1697 – 1768)
Venezia - 1732-1738


Canaletto (Giovanni Antonio Canal, detto il) (Venezia 1697 – 1768)
Venezia - 1733-1734


Giambattista Tiepolo (Venezia 1696 – Madrid 1770)
Venezia - 1730-1735


manifattura di Doccia su modello di Massimiliano Soldani Benzi (Montevarchi, Arezzo 1656 – Galatrona 1740)
Doccia - seconda metà del XVIII secolo


Alessandro Algardi (Bologna 1598 – Roma 1654) (attribuito a)
Roma - 1635 circa


Gaspero Bruschi (Firenze 1710-1780)
Firenze - Doccia - entro 1747


Giovanni Battista Della Porta (Vico Equense, Napoli 1535 – Napoli 1615) e Guglielmo Della Porta (Porlezza, Como 1515 circa – Roma 1577) (ambito di)
Roma - fine XVI secolo


manifattura cinese della prima metà del XVIII secolo (porcellana); manifattura francese della metà del XVIII secolo (bronzi)
Cina - Francia - 1662-1722 (porcellana), 1745-1749 (montatura in bronzo)


scultore nord europeo della fine del XVII secolo
Nord Europa - fine del XVII secolo


Filippo Parodi (Genova 1630 - 1702)
Genova - 1666-1670


Giacomo Colombo (Este, Padova, 1663 - Napoli 1731) (ambito di)
Napoli - 1695-1705


manifattura romana della fine del XVI secolo
Roma - fine del XVI secolo


Piano: Opificio delle pietre dure di Firenze.
Base: George Bullock (Birmingham 1777 - Liverpool, 1818)

Firenze - 1715-1720 (piano)1810-1815 (base)


manifattura romana della metà del XVIII secolo
Roma - 1750 circa


manifattura tedesca dell’inizio del XIX secolo
Germania - 1800-1815 circa


manifattura romana della metà del XVIII secolo
Roma - metà del XVIII secolo


Nicolas Sageot (Parigi? 1666-1731)
Francia - 1702 circa


Bernard II van Risemburgh (attivo a Parigi 1730-1767) o Bernard III van Risemburgh (- Parigi 1799)
Francia - 1766-1770


André Charles Boulle (Parigi 1642 - 1732) (attribuito a) e Etienne Levasseur (1721-1798)
Francia - 1705-1715


manifattura veneziana della metà del XVIII secolo
Venezia - metà del XVIII secolo


Giuseppe Maggiolini (Parabiago, Milano 1738-1814) su progetto di Raffaele Albertolli (Bedano, Svizzera 1770 – Milano 1812) e Giocondo Albertolli (Bedano, Svizzera 1742 – Milano 1839), con tarsie su disegno di Andrea Appiani (Milano 1754 - 1817)
Lombardia - 1789


manifattura romana del XVII secolo
Roma - 1660-1680


manifattura veneziana della metà del XVIII secolo
Venezia - metà del XVIII secolo


Georges Jacob (Cheny, Borgogna 1739 – Parigi 1814)
Francia - 1780 circa


manifattura veneziana della metà del XVIII secolo
Venezia - metà del XVIII secolo


manifattura genovese del quinto decennio del XVIII secolo, probabilmente disegno di Lorenzo De Ferrari (Genova, 1680 circa – 1744)
Genova - 1740-1744 circa


manifattura romana del XVIII secolo
Roma - metà del XVIII secolo


manifattura veneziana del XVIII secolo
Venezia - metà XVIII secolo


manifattura cinese della metà del XVII secolo
Cina - 1650 circa


manifattura trapanese del XVIII secolo
Sicilia - seconda metà del XVIII secolo


manifattura dell’Italia settentrionale della metà del XVIII secolo
Italia settentrionale - 1750 circa


Real fabbrica Ferninandea (attiva a Napoli dal 1771 al 1835)
Napoli - 1795 circa


François-Désiré Froment-Meurice (Parigi 1802 - 1855) (ideazione di); Victor Geoffroy-Dechaume (Parigi 1816 - Valmondois 1892) e Antoine Vechte (Vic-sous-Thil 1799 - Avallon 1868) (figure di)
Parigi - 1844 circa


manifattura muranese della prima metà del XVIII secolo
Venezia - 1700-1750 circa


arte greca
Italia del Sud (Magna Grecia) - 340-320 a.C.


Fabbrica di Vetro Imperiale Russa, su disegno di Ivan Ivanov (direttore dal 1815 al 1848)
Russia - 1820 circa


manifattura cinese del XVIII secolo
Cina - fine del XVIII secolo


Studio del Mosaico Vaticano, Pompeo Girolamo Batoni (Lucca 1708 – Roma 1787) (su modello attribuito a)
Roma - metà del XVIII secolo